close
Mangiare Sano

L’amaranto e le sue proprietà benefiche

amaranto

Avete mai sentito parlare dell’amaranto? Si tratta di una pianta che proviene dall’America centrale i cui semi, oltre ad essere commestibili, sono anche ricchi di straordinarie proprietà benefiche.

L’amaranto è tornato recentemente alla ribalta, dopo aver rappresentato per anni l’alimento base di popolazioni come quella degli Aztechi e degli Incas, alla stregua del mais e della quinoa.

E il suo grande punto di forza, oltre alle tante proprietà benefiche di cui vi parlerò tra un attimo, è proprio la grande versatilità in cucina. Pare infatti sia perfetto non solo per preparare piatti dolci e salati, ma anche per arricchire zuppe, panini ed originali snack.

Ma cos’ha l’amaranto di così speciale?

Innanzitutto è ricchissimo di proteine e fibre (per questo è amato molto anche da vegani e vegetariani), ma anche di calcio, magnesio, ferro e fosforo. Al suo interno inoltre troviamo la Lisina, uno degli aminoacidi essenziali, vitamine del gruppo B e vitamina C.

Si tratta di un prodotto altamente digeribile, perfetto quindi per bambini, anziani e per chi soffre di cattiva digestione. Stimola il transito intestinale ed è indicato quindi a chi soffre di stipsi, rinforzando al tempo stesso il sistema immunitario.

Come cucinare l’amaranto?

Potete cucinare i suoi semi da soli, come fate con i tradizionali legumi, oppure abbinarli ad altri ingredienti come il riso e il farro, o magari a capperi, pomodori pachino e olive nere per un’insalata colorata. Lo avete mai provato?

Tags : alimentazione sanaamaranto proprietàbenessereConsigli benesserecucinare l'amarantomangiare bioMangiare SanoProprietà alimentisemi di amaranto

Lascia un Commento