close
Medicina e Salute

Farmaci: le diverse tipologie di contraffazione

farmaci-contraffatti

E’ di qualche mese fa la terribile notizia delle supposte per la tosse dei bambini sequestrate dalle autorità poiché contraffatte. A quanto pare queste pillole non contenevano al loro interno il principio attivo e la questione ha sollevato non pochi dubbi e polemiche sull’integrità di tutti gli altri farmaci.

L’azienda produttrice di tale farmaco, non avendo più a disposizione il principio attivo per problemi di accordi commerciali, ha deciso di continuare a produrre il farmaco usando una sostanza simile ma inefficace, per non perdere una grossa fetta di mercato.

Inutile dire che la contraffazione dei farmaci è diventato un segno di allarme e insicurezza da parte dei consumatori, che rivela quanto sia inefficace il sistema di tutela italiano in questo ambito. Ma come può essere contraffatto un farmaco?

nas-farmaci-contraffatti

– Contenuto

In primo luogo si può modificare il suo contenuto, sostituendo il principio attivo che dovrebbe contenere oppure eliminandolo del tutto, seconda eventualità rara dal momento che permetterebbe di scoprire molto tempo prima la frode.

E’ molto più frequente e sicuro sostituire il principio attivo con ingredienti ed eccipienti molto simili, ma magari tossici o dannosi per la nostra salute. Un’eventualità frequente soprattutto per i farmaci di vecchia generazione.

– Confezione

Un altro modo per contraffare un farmaco è variare la data di scadenza sull’etichetta, o magari modificarne il dosaggio per aumentarne e prolungarne la richiesta.

– Norme di fabbricazione

Ci sono dei casi in cui il farmaco imita perfettamente quello originale, sia nel confezionamento che nella preparazione, ma magari la sua produzione non è avvenuta secondo le norme di buona fabbricazione, alle quali sono obbligate ad attenersi le industrie farmaceutiche.

Fate attenzione quindi quando acquistate i vostri farmaci e non acquistate mai dei prodotti in rete o attraverso canali illeciti. In caso di farmaco sospetto potete rivolgervi ai Nas o consultare il sito www.impactitalia.gov.it.

Tags : farmaci contraffattifarmaci in gravidanzaMedicina e Salute

Lascia un Commento