close
Medicina e Salute

Un grande aiuto alle mamme grazie al pilates

pilates-e-gravidanza

Ormai tutte voi avete sentito parlare del pilates, ovvero di una ginnastica dolce in grado di promuovere il coordinamento fisico e mentale migliorando la tonicità e la fluidità dei movimenti, senza aumentare troppo la massa muscolare.

Una disciplina che conitnua a riscuotere un grandissimo successo e che consente di ottenere davvero tanti benefici, tra i quali una postura corretta, una migliore circolazione sanguinga, un corpo più snello, una migliore respirazione, muscoli più definiti, meno stress e dolori muscolari.

Bene, il pilates oltre ad essere l’ideale per uomini e donne, si rivela essere efficacissimo anche per le donne in gravidanza, ovviamente dietro l’ok del medico e limitatamente ad alcuni esercizi. Ma vediamo quali benefici è possiible trarne.

pilates-in-gravidanza

– Come prima cosa è possibile definire un allenamento personalizzato, stabilendo per ognuna i movimenti ideali in base alla specifica situazione. Se state allattando ad esempio è meglio evitare gli esercizi isometrici che portano ad una elevata produzione di testosterone libero, il quale andrebbe ad inibire la produzione di latte. Se invece siete andate incontro ad una diastasi meglio evitare gli addominali.

– Con l’aumentare del peso durante la gravidanza, la donna va incontro a dei cambiamenti posturali e muscolari. Il pilates aiuta a rinforzare la muscolatura della schiena e del corpo in generale, rendendola più tonica ed elastica. In questo modo si vanno a contrastare anche le tensioni che si accumulano a livello delle anche e dei glutei.

– Il parto mette a dura prova il pavimento pelvico della donna, ovvero quell’insieme di muscoli dell’apparato genitale che vengono coinvolti in questa particolare fase e che se indeboliti, possono provocare dolore, incontinenza, disturbi sessuali e prolasso dell’utero. Il pilates allena questi muscoli in maniera specifica, aiutando notevolmente la donna nel momento del pre e del post parto.

– Il pilates aiuta anche a percepire meglio alcune parti del nostro corpo, facilitando di conseguenza il travaglio e il parto, in modo da gestire meglio sia il dolore che l’ansia. Dopo il parto, quando è possibile riprendere gli allenamenti, si potrà ripristinare in tempi brevi la postura corretta e la ricostruzione della parete addominale.

Ovviamente se siete in dolce attesa e volete cimentarvi con il pilates, dovete necessariamente chiedere prima il parere del vostro medico e ricordate che nel caso di un taglio cesareo occorre più cautela.

Tags : attività fisicacura del corpogravidanzaPilatespilates in gravidanzatenersi in forma

Lascia un Commento