close
Medicina e Salute

E il mal di testa non sarà più una scusa

mal-di-testa

Quante volte ci è stato rimproverato dai nostri compagni, mariti o fidanzati, di inventare numerose e fantasiose scuse, pur di divincolarci dai nostri “obblighi coniugali”, per dirla in termini eleganti.

Tra le più celebri c’è sicuramente quella del mal di testa, che potrebbe sembrare certo un po’ banale, ma del resto di fronte ad un uomo non ci si può perdere in lunghe e complesse spiegazioni, riguardanti il nostro stato psico-fisico, che quasi sicuramente non capirebbe.

Da oggi vengono in nostro aiuto (dipende dai punti di vista) degli studi scientifici italiani freschi freschi, riguardanti lo studio delle cefalee, in base ai quali è stato riscontrato come alcuni fattori ben precisi, tra i quali lo stress, particolari odori, posture scorrette e l’attività sessuale, siano responsabili del mal di testa.

Le donne più colpite sarebbero quelle di età compresa tra i 30 e i 40 anni, che conducono una vita fatta di poche ore di sonno e troppe invece passate in bilico sui tacchi alti. La tensione dei muscoli della testa e del collo, come pure il ciclo mestruale, creerebbe insieme ai fattori prima elencati, l’anticamera perfetta per lo scoppio di un sonoro mal di testa.

Lo stress e le posture scorrette sembrerebbero esserne le cause di forza maggiore. Dovremmo quindi cercare di adottare uno stile di vita più rilassato, trascorrendo più tempo all’aria aperta, facendo magari qualche passeggiata in più (senza tacchi), evitare di trascorrere la maggiorparte della giornata di fronte ad un pc e dormire il numero di ore necessario per un buon riposo.

L’inserimento dell’attività sessuale tra le cause scatenanti il mal di testa, non è stato spiegato molto da un punto di vista scientifico, fatto sta che se da oggi la vostra compagna, di fronte ad un allusivo invito, vi risponderà “meglio di no amore, potrebbe venirmi il mal di testa”, mascherate il vostro sgomento e prendetevela con i ricercatori italiani.

Oppure, meglio ancora, fatevi due domande e chiedetevi se non fosse arrivato il momento di migliorare qualcosa, nelle vostre performance sotto le lenzuola.

Tags : Consigli per il benessererelax e benessere

Lascia un Commento