close
Mangiare Sano

Cibi afrodisiaci: leggenda o realtà?

cibi-afrodisiaci

Di questi tempi, nei quali si ricorre sempre più spesso, e a volte senza alcun bisogno, a medicinali o a sostanze chimiche dagli effetti incerti, bisognerebbe ricordarsi che la natura, con i suoi numerosi e perfetti elementi, è in grado di fornirci un grande aiuto sotto ogni punto di vista.

Dai piccoli malesseri di stagione fino a circostanze… un po’ più piccanti. E’ quello che accade con gli alimenti definiti “afrodisiaci”, utilizzati sin da tempi antichissimi e che andrebbero ad agire sulla componente mentale del desiderio.

Il desiderio sessuale infatti è composto da due fattori essenziali: uno fisiologico, legato ai fattori metabolici ed uno psichico, legato ai processi emotivi.

Questa categoria di alimenti andrebbe ad agire proprio su quest’ultimo, ma vediamo nello specifico di quali alimenti stiamo parlando.

L’ANICE, è un afrodisiaco molto diffuso, usato sin dai tempi dei Greci e dei Romani, i quali ne masticavano i semi per trarne i benefici effetti.

Gli ASPARAGI probabilmente, al di la delle proprietà nutritive, vengono considerati afrodisiaci soprattutto per il loro aspetto.

Anche l’AVOCADO, cade in questa categoria per via del suo aspetto, tanto da farsi attribuire dagli Aztechi il nome di “albero testicolo”.

Lo CHAMPAGNE, come un po’ l’alcol in generale del resto, crea un’azione eccitante allentando i freni inibitori. Creando un’atmosfera romantica ed elegante.

Il CAVIALE invece è ricco di zinco, un minerale fondamentale per la produzione di sperma.

Il FICO veniva utilizzato dagli antichi Greci durante le celebrazioni dei raccolti, in riti propiziatori a sfondo sessuale.

Il CACAO e il CIOCCOLATO vengono da sempre definiti il “cibo degli dei”. Ricchi di sostanze antiossidanti ed eccitanti.

La MANDORLA sembrerebbe molto ricca di importanti nutrienti dalle proprietà afrodisiache.

Il PEPERONCINO è forse uno degli afrodisiaci più diffusi, in quanto favorisce la vasodilatazione e quindi l’afflusso di sangue verso gli organi genitali. Tra tutti gli alimenti definiti afrodisiaci è sicuramente quello con le basi scientifiche più certe.

Attenzione però! Un uso eccessivo può portare fastidi soprattutto a chi soffre di ulcere o gastroenteriti.

OSTRICHE e MOLLUSCHI, afrodisiaci apprezzati molto dai romani, ricchi di nutrienti e minerali. Anche in questo caso però è meglio non abusarne.

Che dire… c’è davvero una vasta scelta! Non vi resta che scegliere i cibi di vostro gradimento ed organizzare una bella cenetta romantica in compagnia della persona giusta, accompagnata magari da un po’ di musica come sottofondo e qualche candela profumata.

Nella peggiore delle ipotesi… passerete direttamente al dessert!

Tags : Consigli benessereProprietà alimenti

Lascia un Commento