close
Chirurgia Estetica

Kate Winslet e la lega anti-ritocchi

Kate-Winslet-e-la-lega-anti-ritocchi

“Non ricorrerò mai alla chirurgia plastica: è contro la mia morale e la mia educazione. Sono un’attrice e non voglio congelare un’espressione sulla mia faccia”. Parola di Kate Winslet, attrice inglese di 35 anni nota per le sue forme piene e il suo talento innato, nonostante i chili di troppo.

Kate ha dichiarato guerra al ritocco estetico e si è schierata apertamente contro la chirurgia.
Non solo, qualche giorno fa la protagonista di “Titanic” ha fondato la “British Anti-Cosmetic Surgery League”, una lega anti-ritocchi che ha lo scopo di coinvolgere tutte le attrici botox-free.

E all’appello hanno già risposto due connazionali: Rachel Weisz, 41 anni, ed Emma Thompson, 52.

“Come attrici siamo rovinate da questa faccenda: perche’ a 60 anni dobbiamo dimostrarne 30?!”, ha detto al Daily Telegraph l’attrice che da anni si batte per contrastare le richieste di “ritocchini” da parte dell’industria cinematografica Hollywoodiana.
La Winslet si è sempre distinta per la sua lotta a qualsiasi tipo di ritocco, anche solo fotografico: nel 2003 si infuriò molto con la rivista GQ che aveva ritoccato la sua foto in copertina per farla apparire più magra.

L’annuncio della fondazione di questa lega arriva proprio al termine di un’estate in cui molti rumors hanno parlato proprio dei danni che la chirurgia e il botox hanno causato a molte star del cinema:

  • Julia Roberts, pur avendo detto “No” al botox, si è vista rifiutare uno spot Lancome di cui era protagonista a causa dell’assenza di rughe dovuta a Photoshop;
  • Heidi Montag, attrice ventitreenne, ha dichiarato di essersi sottoposta addirittura  10 interventi di chirurgia estetica in un solo giorno: mini lifting della fronte, innesti di grasso su zigomi e labbra, riduzione del mento, liposuzione a collo, fianchi e cosce, inserimento di protesi nel sedere, aumento del seno e botox. Risultato: 23 anni e dimostrarne 45!
  • Nicole Kidman ha affermato di recente  di non riuscire più a muovere la fronte, ad aggrottare le sopracciglia e a mostrare entusiasmo a causa dei muscoli facciali bloccati dal botox. Può solo sorridere.
  • Meg Ryan, fidanzatina d’America degli anni 80, ha ammesso di non riuscire a trovare lavoro a causa della chirurgia che l’ha sfigurata.
  • Mickey Rourke, sex symbol di “9 settimane e mezzo” ha dichiarato di essersi pentito di aver fatto ricorso alla chirurgia estetica: il suo volto è deturpato.

Ma come mai sono proprio le attrici e gli attori, quelli che con la propria faccia e con la propria mimica ci lavorano, a fare un così largo uso del ritocco estetico?
Anni e anni di studio in accademia buttati al vento con poche iniezioni che paralizzano i muscoli del viso e impediscono le espressioni facciali.

Forse era un po’ estrema ma di certo molto più vera l’ italianissima Anna Magnani che al suo truccatore, prima di un film, amava ripetere: “Le rughe non me le coprire perché ci ho messo una vita  a farmele venire.”

Tags : botoxchirurgia esteticaconsigli di bellezzaJulia RobertsKate Winsletlega anti-ritoccoMeg Ryanmickey RourkeNicole Kidman

1 Commento

Lascia un Commento